Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando ad utilizzare questo sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies sul tuo dispositivo come descritto nella nostra . Informativa sui cookie.
Prenota ora
+39 0185308728
Prenota ora

Itinerari

66479662

Itinerari

Lavagna e il suo centro storico

Una rilassante passeggiata di dieci minuti sotto un fresco viale alberato, corso Buenos Aires, in direzione centro ci porta a visitare la nostra bella cittadina.
Lavagna è un centro di vacanze molto vivace e coloratissimo: basta passeggiare per le vie del suo centro storico per essere piacevolmente circondati dalle facciate dipinte dell'antica tradizione ligure; un originale sfondo per farvi sentire ancora più protagonisti delle vostre vacanze,che qui, hanno una formidabile base nel porticciolo, uno dei più grandi dell'intera area mediterranea, punto di partenza per andare alla scoperta della Liguria più autentica
La città si sviluppa sulla costa della Riviera Ligure di Levante, ma anche nell'immediato entroterra. Geograficamente a dividere la città dalla vicina Chiavari è il torrente Entella, sfociante in mare proprio al confine dei due comuni rivieraschi. Alla città è stata conferita nel 2007 la Bandiera Blu per la qualità delle sue spiagge. Il comune fa parte della zona geografica chiamata Tigullio. 
Il borgo, come molti altri comuni liguri, si è sviluppato in epoca romana con il nome latino di Lavania. Il nome è rimasto nei secoli inalterato fino a trasformarsi nei secoli successivi nell'attuale toponimo di Lavagna.

 

Le Cinque Terre, patrimonio dell'Unesco

Le Cinque Terre l’oasi naturalistica, patrimonio mondiale ambientale e culturale dell'Unesco, è uno degli itinerari più suggestivi che un turista possa conoscere. Da tutto il mondo giungono visitatori per godere di questo territorio unico del suo genere e i suoi  panorami a picco sul mare.
Gli antichi abitanti di questi luoghi, infatti, senza alcuna imposizione da parte di sovrani tiranni, ma per la ferrea necessità di ricavare spazi coltivati in un ambiente ostile, hanno sostituito l'antica vegetazione naturale di questi ripidi declivi con una fitta tessitura di terrazzamenti coltivati a vite, sorretti da una rete di circa 6.729 chilometri di muretti a secco

Close